Maria Emma Gobbi: i luoghi dell’inconscio

28.02.2021

di Francesca Callipari

Maria Emma Gobbi - Altre nature, acrilico
Maria Emma Gobbi - Altre nature, acrilico

"Mandare luce dentro le tenebre dei cuori degli uomini. Tale è il dovere dell'artista"

Così Robert Schumann descriveva il ruolo dell'artista, riuscendo a tradurre in parole quella energia e quel miscuglio di emozioni che scaturiscono dal contatto con l'Arte nelle sue diverse espressioni. Una frase che ben si accosta alle opere dell'artista veneta Maria Emma Gobbi, contraddistinte da una forza espressiva ed una vitalità cromatica senza eguali. 

Passando abilmente dal figurativo all'astratto, dal paesaggio al ritratto, dal colore al bianco e nero, l'artista ama sperimentare tecniche e generi diversi, adoperando anche supporti insoliti come materiali di recupero e tele ricamate. Uno stile in continua evoluzione che rivela una notevole abilità tecnica e al contempo una grande capacità introspettiva e visionaria, grazie alle quali ella riesce a trasformare le emozioni in immagini dal potente impatto visivo. Maria Emma Gobbi è un'artista che sa leggere in profondità l'animo umano, dimostrando una spiccata sensibilità attraverso la quale scruta il mondo circostante, soffermandosi a descrivere con attenzione ogni minimo dettaglio.

In particolar modo negli astratti, a mio avviso, ella riesce a rendere in pittura veri e propri stati d'animo, lasciando che siano le sue stesse emozioni a guidare la mano sulla tela, mentre i suoi paesaggi ci portano in atmosfere trasognanti, rivelandosi, molto spesso, come la rappresentazione di luoghi dell'inconscio più che di paesaggi reali. 

E' come se ogni opera fosse intrisa di una particolare essenza, una luce interiore che costituisce il vero nucleo da cui si propaga ogni emozione, ogni messaggio che l'artista vuol trasmettere all'osservatore... una luce che sembra voler fuoriuscire dalla stessa tela, per arrivare dritta al cuore di chi guarda, conducendolo in un viaggio alla scoperta di se stesso.



Maria Emma Gobbi / Biografia

Originaria di Piove di Sacco (PD) dove risiede tuttora, fin da giovane coltiva la passione per la pittura ad olio. Nel 2001\2002\2003 e successivamente nel 2013\14\15 frequenta il corso di disegno, scultura e pittura "LA SCOLETTA" con il maestro Giuseppe Lotto e il docente Furio Frontini. Partecipa a mostre collettive organizzate nella Saccisica. Alla Biennale Nazionale di Pittura e Grafica "Campagnola" riceve la prima SEGNALAZIONE. Nel 2003\4\5\6 e 2010 partecipa al "CONCORSO NAZIONALE DI PITTURA ACQUERELLO E GRAFICA - G.B. Cromer" - Arte Agna e al 2015 risale la sua Mostra personale di maschere artistiche nella Torre Carrarese di Piove di Sacco. Nel 2017 presenta una Mostra personale nella sala Cordella di Adria e partecipa al "Concorso nazionale di pittura e grafica via Ruzzina" ad Adria e alla prima edizione del "Novent ART" a Noventa Padovana. Nel 2018 espone al Castello del Catajo di Battaglia Terme, con "Emergere in Arte" (Evento recensito e pubblicizzato dai media). Ricordiamo, inoltre, nel 2019 la sua partecipazione alla seconda edizione di "C'è POSTO per TE! 2019" Pittura, Scultura, Fotografia in concomitanza alla 58° Biennale di Venezia organizzazione della D'E.M. VENICE ART GALLERY con il patrocinio e la collaborazione di Consulado del Urugu y Venecia-AVA Associazione Veneziana Albergatori "Venetian Hoteliers Association-ABCO ASSOCIAZIONE BENI CULTURALI ONLUS. Sempre nello stesso anno partecipa alla Mostra "INTERNATIONAL ART EXHIBITION 2019" presso l'Hotel "Santa Croce Boutique" di Venezia organizzato dalla D'E.M. VENICE ART GALLERY con attestazione e certificazione di merito. Di recente è stata inserita nell'atlante dell'arte contemporanea 2021 DeAGOSTINI che raccoglie tutti i più grandi artisti di arte contemporanea, edito da DeAgostini nell'autunno 2021.

©2021 I Love Italy News Arte e Cultura